I tre giorni 26-27-28 di questo febbraio abbiamo partecipato attivamente a questo fenomenale evento congresso europeo sulla virtualizzazione, qui abbiamo preso numerosi contatti utilissimi ed abbiamo anche visto la realizzazione di un elemento della nostra idea il VService.
Abbiamo accresciuto notevolmente la nostra conoscenza di tutto l’argomento dai tecnicismi alle possibilità del mercato, ai nuovi prodotti hardware sempre più legati al concetto di virtualizzazione ed al mondo che inizia positivamente a rispondere a queste tematiche.

E’ possibile leggere una simpatica relazione ai seguenti links blogs:
in italiano
http://www.ciaoblog.net/vmworld-europe-2008-un-grandissimo-evento-sulla-rivoluzione-dei-nostri-tempi/
in inglese
http://hubpages.com/hub/VMworld-Europe-2008-Cannes

Di seguito in dettaglio gli eventi a cui abbiamo partecipato.

I KeyNote :

  • Diane Greene
  • Mendel Rosenblum

I seminari  :

 

  • Kit Colbert – Introduction to Storage VMotion,
  • Emiliano Turra – VMware Infrastructure 3.5 New Networking Concept and Advanced Troubleshooting,
  • Scott Davis – Storage Architecture for Virtual Infrastructure,
  • Carter Shanklin – Simplifying VMware Infrastructure management with Windows PowerShell,
  • Tommy Walker – Optimizing Storage for Virtual Desktops
  • Mike DiPetrillo – Scaling your Virtual Infrastructure,
  • Bruce McCready – Virtual Center 2.5 Database Best Practices,
  • John Abbott – Managing the Virtual Revolution,
  • Giovanni Lopedote – Common Storage Issue,
  • Herrik Moenster – Usage of the Remote Command Line (RCLI) with ESX 3i

Ed i Labs :

  • LAB8 – Richard Damoser – VMware Lab Manager
  • LAB7 – Carter Shanklin – Automating VMware with PowerShell

Nell’area Vendors (Solutions Exchange) nel discutere con i maggiori Vendors (HP e VMware) ci siamo imbattuti in una grossa opportunità per il nostro business, la possibilità sia sull’ hardware (HP) che sul software (VMware) di offerte del tipo “onDemand”, a consumo, cioè “Pay x Use”.
Queste rappresentano per noi una grossa possibilità in quanto ridurrebbero i tempi necessari al reperimento dei finanziamenti utili all’acquisto iniziale dell’ hardware e delle licenze software necessarie alla Start-Up.
Valuteremo con molta attenzione queste possibilità nei prossimi mesi / settimane incontrando di persona i riferimenti Italiani.

Share This