DMTF

DMTF

Il DMTF (Distributed Management Task Force) ha annunciato ieri 27 aprile la formazione di un gruppo di lavoro dedicato allo sviluppo di un set di specifiche per il management delle risorse in Cloud.

Il gruppo, Open Cloud Standards Incubator, si focalizzerà soprattutto sull’interoperabilità tra Cloud private e pubbliche, magari sviluppando dei protocolli di management, dei formati di pacchetto e sicurezza per facilitarne le integrazioni.

Il gruppo sarà formato dai soliti nomi :

• AMD – Paul Vancil
• Cisco – Steve Diamond
• Citrix – Abolfazl Sirjani
• EMC – Wayne Adams
• HP – Nigel Cook
• IBM – Mike Baskey
• Intel – Billy Cox
• Microsoft – John Parchem
• Novell – Alan Murray
• Sun – Mark Carlson
• Red Hat – Mike Evans
• Savvis – Ken Owens
• VMware – Winston Bumpus

Molto strana è la totale assenza nel gruppo degli ISP che attualmente erogano servizi Cloud, tipo Amazon per esempio, il quale ha di fatto creato già uno standard.

Gli obiettivi e la timeline sono già definiti :

Phase 1
• Cloud Taxonomy – 3Q09
• Cloud Trust requirements – 3Q09
• Alliance partner identification – 3Q09
• Use cases and requirements for Cloud Profiles – 3Q09
• Cloud Interoperability White paper – 3Q09
Phase 2
• Proposed Profiles – 4Q09
• Proposed OVF changes for cloud usage – 1Q10
• Proposed Changes for DMTF Standards – 1Q10

L’intento è decisamente nobile, come tutte le iniziative del DMTF, ma come per lo standard OVF (Open Virtualization Format Specification), non è stato da tutti rispettato, attualmente solo l’ESX di VMware ne consente l’utilizzo e ne sfrutta le potenzialità. In uno standard sul Cloud Computing l’utilizzo di un formato unico per le Virtual Machine è di fondamentale importanza, senza di esso non puo’ esserci interoperabilità tra Cloud diverse.

Occorre però dare merito ad una precedente iniziativa nata più che altro per fare chiarezza nell’ambito e per dare alle organizzazioni uno strumento in più pre comprenderne i vantaggi. L’ OpenCloudManifesto che conta attualmente 175 supporter.

Share This