Il progetto del Call Center della Solidarietà nasce da un’idea del Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, del presidente della Fondazione In nome della vita onlus Sergio Sciarelli, professore ordinario di Economia e gestione delle imprese presso l’università Federico II, e di altri illustri esponenti della società civile napoletana.

E’ stato realizzato con il contributo della Fondazione Vodafone Italia, pensato come un lavoro di squadra con tutti i centri di accoglienza, le associazioni del Terzo Settore e le strutture di assistenza pubbliche e private del territorio campano e consente di dare una risposta ai problemi che, in maniera sempre più estesa, investono numerose famiglie e persone sole ed in serie difficoltà, in modo da contrastare in maniera diretta e con maggiore efficacia le tante forme di povertà ormai così presenti e diffuse nella nostra società.

Attraverso il numero verde 800814081, è possibile richiedere una soluzione, un’indicazione, una risposta alle tante problematiche quotidiane.

Gli operatori del Centro, ascoltano con dedizione e comprensione le richieste di aiuto, fornendo tutte le informazioni utili ai bisogni rappresentati nelle telefonate: un posto dove dormire, un luogo dove mangiare, dove lavarsi, curarsi, combattere le dipendenze, orientarsi nei servizi sociali, acquisire informazioni utili per gli immigrati, uscire dallo sfruttamento sessuale e lavorativo, dalla violenza domestica, essere semplicemente ascoltati.

Il Call Center è provvisto di un poliambulatorio gratuito per visite specializzate, di un centro di ascolto con una psicologa, che fornisce supporto e orientamento ai servizi di salute e benessere psicologico presenti sul territorio, e un avvocato, che fornisce consulenza legale.

E’ un progetto piuttosto complesso ed ambizioso che vuole dare speranza a tutte le problematiche che affliggono i più deboli, mediante la solidarietà ed il contributo di tante strutture ed organizzazioni di volontariato che operano in rete, per andare incontro alla disperazione di chi si trova abbandonato e non sa a chi rivolgersi.

Principio di funzionamento

Il Call Center funziona mediante il numero verde 800814081 messo a disposizione dalla Vodafone Italia ed un gruppo di operatori opportunamente formati per rispondere alle richieste di accoglienza. L’operatore che risponde alle chiamate, ha a disposizione un computer su cui deve operare per inserire i dati e le attività legate alla richiesta di assistenza su interfacce software opportunamente implementate. Le informazioni acquisite e le richieste di accoglienza, confluiscono nello strumento software che produce risultati statistici utili all’ osservatorio del centro di ascolto.

Soluzione Tecnologica

Per la soluzione, dopo un intervento strutturale di cablaggi elettrici e di network delle aree dedicate al centro di ascolto, è stato installato un rack per ospitare tutto l’HW necessario, dagli apparati di telefonia, i router, i gateway, il server, il gruppo ups. Sul server Intel è stato installato un hypervisor ESXi per facilitare le operazioni di installazione, backup e ripristino avvantaggiandosi delle logiche di virtualizzazione. Sono state usate tecnologie open-source miste a tecnologie a licenza.
Come sistemi operativi sono stati utilizzati distribuzioni CentOS, centralino SW Asterisk, Sw xCally per la gestione del Call Center, CRM vTiger per la raccolta dei dati inerenti le richieste di assistenza ed CMS WordPress per il database di geolocalizzazione dei centri di assistenza del territorio campano.

Le attività da noi svolte sono state:

  • Progettazione e pianificazione della soluzione HW/SW
  • Implementazione della soluzione HW/SW
  • Assistenza e Supporto continuativo alla soluzione
  • Supporto alla progettazione e pianificazione di future espansioni del progetto

Media

Il progetto che inizia a formalizzarsi agli inizi del 2012, è partito in fase progettuale verso maggio e giugno, in fase implementativa verso luglio, si è concluso in beta agli inizi di ottobre ed ha avuto il lancio ufficiale il 4 dicembre 2012. Il progetto è stato degnamente diffuso mediaticamente sia su cartaceo che attraverso canali televisivi ed internet. Riportiamo alcuni link:

Di seguito una intervista al Presidente della Fondazione In Nome della Vita, Prof. Sergio Sciarelli