Fantagazzetta.com:
non solo “fantasuccesso”

“Il calcio è un gioco ma anche un fenomeno sociale. Quando miliardi di persone si preoccupano di un gioco, esso cessa di essere solo un gioco”.

 Simon Kuper

Così diceva Jorge Lopez, l’antropologo del calcio, in un’intervista rilasciata al columnist del Financial Times Simon Kuper su ole.com.

Dopotutto, non è impossibile dargli torto. Basti pensare alle migliaia di tifosi appassionati che non solo seguono pedissequamente i campionati di calcio ma ogni stagione vestono i panni di “fantallenatori” con l’obiettivo di guidare la loro “fantasquadra” alla conquista della propria Lega Privata. Così, le squadre si affrontano in una serie di partite il cui esito è determinato da un algoritmo basato su i voti assegnati alle prestazioni dei calciatori dalla redazione di Fantagazzetta.com e dai punti “bonus” e “malus” dovuti a diverse variabili come ad esempio i goal segnati, i rigori parati o gli assist effettuati.

Questo è lo scenario in cui si inserisce fantagazzetta.com, network giornalistico e primo portale web sportivo d’Italia leader per il fantacalcio.

About the customer

Fantagazzetta nasce nel 1999, per puro divertimento, come sito privato per offrire ad un piccolo gruppo di amici supporto nella gestione del Fantacalcio, noto fantasy game basato sul mondo del calcio. Ben presto il sito comincia ad acquisire fama e successo nella comunità di giocatori che preme per l’apertura al pubblico. Grazie ai continui investimenti in tecnologia ed ai contenuti sempre originali fantagazzetta vanta, ad oggi, numeri da guinness: il portale di riferimento per gli appassionati di fantacalcio di tutta Italia, nonché uno dei siti d’informazione calcistica più visitato del Paese.

«All’inizio – spiega Nino Ragosta – volevamo solo una piattaforma per condividere le nostre partite tra amici, poi si trasformò in una vera e propria community. È così che qualche anno più tardi Fantagazzetta cominciò ad assumere la struttura odierna».

Fantasy game prima di tutto, organo d’informazione indipendente poi. Infatti, il primo marzo 2012 fantagazzetta.com è stata registrata al tribunale di Napoli come testata giornalistica. Perché? «È stata un’evoluzione naturale – spiega Ragosta – di fatto facevamo informazione da tempo ed in definitiva era ciò che aspiravamo a fare sempre meglio. Adesso per noi la parte editoriale ha assunto un grande peso ed il fatto di essere una delle voci più autorevoli del panorama nazionale ci riempie di orgoglio»

Fantagazzetta.com and the mobile application Leghe Fantagazzetta

Frantagazzetta.com è la prima testata sportiva indipendente in Italia e si occupa delle informazioni legate al mondo del calcio. Si tratta di un portale web che oltre a dare la possibilità di giocare gratuitamente, offre una quantità di notizie e approfondimenti da leggere sul mondo dello sport.

I numeri. Attualmente il sito vanta circa 1.8 milioni di utenti registrati ed iscritti alla newsletter, quattro milioni di utenti unici mensili, oltre 250 milioni di pagine visitate ogni mese. Con quattro milioni di visitatori mensili per un returning user dell’87% e una durata media della visita di sette minuti fantagazzetta.com è leader indiscusso nel settore.

Iscritti al sito (milioni)

Utenti unici/mese (milioni)

Pagine visitate/mese (milioni)

%

Returning user

Durata media visita (minuti)

La maggior parte degli users sono di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Si tratta di utenti “affezionati” che oltre a visitare il sito con costanza, e in modo particolare durante il week end, hanno scaricato l’applicazione su dispositivo mobile.

Infatti, i dati sopraindicati non tengono conto dell’applicazione “Leghe Fantagazzetta”. L’app ha richiesto tempi di sviluppo molto lunghi ma a oggi si può affermare che si tratta della più completa piattaforma di gestione per “fantallenatori” esistente sul mercato.

Con oltre mezzo milione di download, oltre 350.000 utenti attivi ogni giorno, 300 milioni di schermate visualizzate ogni mese, Leghe Fantagazzetta si pone come prima app in ambito fantacalcistico in Italia.

Da qualche mese è inoltre attiva l’app “Fantagazzetta”, dedicata alla parte editoriale con approfondimenti, statistiche, risultati e voti in tempo reale. Anche quest’ultima, accolta con gran favore dall’utenza, ha già macinato numeri da record.

  • In questo momento ci sono 100189 (utenti attivi nell'applicazione)%
  • Cellulare 99%
  • tablet 1%

Il brand

Il team di Fantagazzetta ha lavorato in modo particolare sul posizionamento del brand. È interessante notare dal grafico Google Trend come il termine fantagazzetta dal 2009 (anno in cui è il sito è stato pubblicato) l’andamento è regolare ma dal 2011 è più cercato di fantacalcio. Cosa è successo? Il prodotto è diventato brand. Oggi l’utente non cerca più su Google il termine “fantacalcio” ma identifica il prodotto con fantagazzetta.

Fantagazzetta non è solo fantasy game ma il traffico dati sul sito proviene anche dalla sua parte informativa. In Italia il sito si posiziona al quarto posto tra i quelli di informazione sportiva italiani più visitati come Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e Sportmediaset.

Ma il dato è relativo. Seguendo l’ordinamento per pagine viste, fantagazzetta.com è seconda solo alla Gazzetta dello Sport. Se poi si considera il numero di minuti spesi sul sito, fantagazzetta.com è al primo posto per il maggior numero di minuti di permanenza sul sito e quelli con il maggior numero di pagine visitate per persona.

Il problema registrato dal cliente era la difficoltà in una veloce e stabile scalabilità nei momenti più importanti, quelli di maggior traffico.

Capitava che in alcuni casi di elevato traffico, specialmente durante le partite, il sito o la app risultassero irraggiungibili o estremamente lenti nel servire le richieste. Bisogna infatti ricordare che fantagazzetta.com e l’applicazione mobile vengono usate dai tifosi di calcio e da tutti quelli che sono soliti giocare al fantacalcio. Pertanto è fondamentale che i servizi online di fantagazzetta risultino facilmente e velocemente raggiungibili.

Per far fronte ai problemi sopracitati, fantagazzetta.com convinta della presentazione delle opportunità legate al cloud computing di AWS, ha deciso di affidarsi a VMEngine per progettare, implementare e manutenere un’infrastruttura autoscalabile in Amazon web services.

L’infrastruttura originaria di fantagazzetta.com era costituita da server fisici in colocation presso un provider italiano. Per questo motivo mancava di elasticità e scalabilità richiedendo spesso l’intervento di upgrade hardware definitivi, necessari solo per pochi giorni e poche ore alla settimana e decisamente sovrabbondanti per il resto del tempo. Con l’intervento del personale della VMEngine e la successiva migrazione verso una soluzione infrastrutturale in Cloud Computing la maggior parte delle criticità di crescita del portale sono state risolte.

Questo grazie a una maggiore elasticità dell’infrastruttura e a software capaci di rilasciare risorse computazionali legate agli eventi di “workload” delle risorse già in uso.

Gli architetti di VMEngine, partner consulting di Amazon Web Services, sono intervenuti sia a livello infrastrutturale che con suggerimenti a livello di integrazione dei servizi di AWS nel codice di fantagazzetta.

Gli architetti hanno inizialmente dovuto modificare gli approcci allo sviluppo del team di sviluppatori di fantagazzetta per introdurre l’uso di un repository GIT da cui i servizi di AWS potessero effettuare il deploy del codice sulle risorse che automaticamente si aggiungevano. A tal fine è stato utilizzato il nuovo servizio AWS CodeDeploy, fornendo agli sviluppatori uno strumento stabile e sicuro per poter sviluppare, verificare e deployare in tutta tranquillità, senza preoccuparsi di dover aggiornare il software nelle risorse che si aggiungono autonomamente all’infrastruttura nei momenti di picco. E’ stato centralizzato il perfetto sistema di caching delle pagine o porzioni di pagine sviluppato dall’esperto team di sviluppo di fantagazzetta mediante l’uso di cluster di memcache server ed allegerito il carico mediante l’integrazione di S3 e della CDN CloudFront.

Sul fronte ottimizzazione dei costi non si smette mai di lavorare, le risorse vengono ridotte al minimo indispensabile nei periodi di basso traffico per farle crescere anticipatamente mediante schedulazione nei periodi noti di aumento del traffico. Il vantaggio di conoscere in anticipo le date e gli orari delle partite di calcio ha offerto agli architetti della vmengine l’idea di una soluzione molto efficace in termini di performance e di costi, visto anche il velocissimo fronte di crescita del traffico difficilmente gestibile con i normali tempi di intervento dell’ autoscalabilità di Aws

The benefits

La scelta proposta e applicata a fantagazzetta.com garantisce performance, elasticità, sicurezza, affidabilità, e scalabilità, godendo dei classici vantaggi del Cloud Computing e della robustezza di un Cloud Provider come Amazon Web Services.

La soluzione ed il dialogo continuo tra gli sviluppatori di fantagazzetta e gli architetti di vmengine fornisce altresi una grossa opportunità di crescita e di visione futura molto più ampie di prima.

Perché avete scelto il Cloud?
«Abbiamo scelto di passare al Cloud – dice Luigi Cutolo, CTO di Fantagazzetta – poiché la vecchia infrastruttura “statica”, seppur ottimizzata, non riusciva a reggere i picchi di traffico che generiamo in alcuni momenti. Parliamo di oltre 100.000 utenti contemporanei in un lasso di tempo brevissimo. Il beneficio principale che abbiamo riscontrato – continua Cutolo – sono state le performance che otteniamo nei momenti di alto traffico e la scalabilità automatica. A giorni passeremo sul Cloud altri servizi che avevamo lasciato momentaneamente sulla vecchia infrastruttura».
Cosa dicono i clienti?
Sulla pagina Facebook di Fantagazzetta, al primo momento di picco appare il commento di un utente soddisfatto che scrive: “Cosa avete fatto ai servizi? Sono velocissimi”.
Cosa di prevede per il futuro?
Si prevede un futuro performante e in continua crescita per Fantagazzetta che sta programmando lo sviluppo di nuovo features che erano state accantonate proprio per problemi di performance.

Di idee ne abbiamo tante e siamo ansiosi di metterle in pratica

Luigi Cutolo

CTO, Quadronica srl

Credi che potremmo aiutarti?

Contattaci e fissiamo un primo appuntamento.
Potremmo capire se le nostre soluzioni possono fare al caso tuo!