eucalyptusubuntu

Da un pò di tempo osserviamo il progetto Eucalyptus, precisamente da quando era un progetto solo open, c’è anche una recente sezione commerciale per offrire alle imprese il supporto per passare il proprio datacenter in logica Cloud Computing.

Il progetto nasce come emulazione della infrastruttura di Cloud Computing di Amazon, nel senso che rende possibile ricreare in privato i servizi che Amazon Web Service eroga al pubblico, con le stesse API che attualmente si usano su Amazon.

Ovviamente non riesce a ricreare tutti i servizi, attualmente si limita alla emulazione dei servizi maggiori : EC2 S3 EBS, supportando gli hypervisor Xen e KVM

Di notevole interesse è l’attenzione e la scommessa che Canonical , la compagnia che supporta lo sviluppo di Ubuntu, verso il progetto Eucalyptus, appoggiandolo e fornendo supporto commerciale allo sviluppo di una Private Cloud Computing per le imprese, quest’anno saranno presenti anche al VMworld2009 di san francisco che si terrà in questi giorni.

Ubuntu Server 9.04 oltre che supportare Eucalyptus, supporta nativamente anche le API di Amazon Web Services, rendendo cosi più semplice per gli amministratori la gestione dei servizi di Cloud Computing e aprendo cosi le porte alla creazione di una vera Hybrid Cloud tra Eucalyptus ed AWS. In aggiunta occorre far notare la piattaforma commerciale LandScape di Canonical che oltre ad essere una ottima piattaforma di monitoring e di system management, supporta anche la gestione della infrastruttura di Cloud Computing, anche se non fa riferimento ad Eucalyptus ma solo AWS.

landscape-graph

Ciò che, però, non ci spieghiamo è come mai il progetto di supporto di Ubuntu si ferma all’ hypervisor KVM e non a Xen, questa rappresenta una forte limitazione, perchè impedirebbe eventuali migrazioni di immagini AMI tra la Cloud Pubblica e quella Privata e viceversa, feature che altri progetti Open supportano benissimo, in quanto supportano l’ hypervisor Xen, molto più diffuso di KVM.

Riportiamo di seguito due video, il primo una presentazione ufficiale dell’ Ubuntu Cloud.

e l’altra una divertentissima e molto acuta presentazione di Simon Wardley, Software Services Manager di Canonical, all’ Open Source Convention OSCON 09 di O’Reilly