In questo post ci occuperemo di un case study di grande interesse che riguarda una multinazionale della telefonia cellulare fissa e mobile, il più grande operatore telefonico al mondo per fatturato: Vodafone Italia.

L’azienda, con sede a Newbury nel Regno Unito, ha partecipazioni in 25 paesi del mondo, in 16 dei quali opera con il proprio marchio e conta 434 milioni di clienti. Grazie anche ad un accordo con l’operatore caraibico Digicel nel 2007 i “Partner-Networks” di Vodafone sono presenti in 75 paesi nel mondo. Vodafone Italia, invece, ha sede a Milano ed è una controllata di Vodafone Group Plc. Dopo 15 anni di costante crescita nel mercato italiano, oggi Vodafone Italia ha più di 30 milioni di clienti mobili.

Andiamo ad analizzare quali vantaggi e soprattutto perché Vodafone ha deciso di affidarsi al Cloud di AWS. Innanzitutto è necessario specificare qual era la sfida che la multinazionale della telefonia doveva affrontare.

Le schede SIM dei telefoni cellulari di Vodafone Italia conservano dati sensibili, tra cui ad esempio numero di telefono e messaggi di testo. Le schede SIM possono essere trasferite da un telefono a un altro e sono molto utilizzate dagli utenti. I clienti di Vodafone Italia possono ricaricare il credito per una scheda SIM, nei negozi o al bancomat.

Con l’aumentare di queste transazioni, Vodafone Italia voleva semplificare l’utilizzo di bancomat o carte di credito per consentire ai clienti di ricaricare i propri cellulari e altri dispositivi a banda larga. L’azienda necessitava perciò di una soluzione sicura, affidabile e conforme ai requisiti di controllo Level 1 secondo gli standard PCI (Payment Card Industry) e DDS (Data Security Standard) che consentisse di proteggere le informazioni dei clienti.

L’azienda non era in grado di prevedere in modo preciso quanti clienti avrebbero usato questa soluzione, quindi aveva bisogno di un’infrastruttura scalabile che si adattasse ai cali e ai picchi della domanda.

Ecco l’architettura utilizzata per il servizio top Up:

vodafone-1-arch-diagram

Era questa la sfida che Vodafone Italia doveva affrontare per poter soddisfare in modo eccellente le esigenze dei propri clienti. Stefano Harak, Online Senior Product Manager di Vodafone Italia, dice: “Amazon Web Services è stata chiaramente la prima scelta, in particolare se confrontata con altre soluzioni di data center locali o in colocation. Dal punto di vista tecnico, quando ne abbiamo valutato la semplicità di implementazione e di gestione, abbiamo ritenuto che AWS avrebbe ridotto in modo significativo il time-to-market e i costi dell’infrastruttura”.

Scalabilità, flessibilità, sicurezza, semplicità di implementazione e di gestione, costi ridotti. Questi sono tutti i vantaggi che il Cloud di AWS regala ai propri clienti. Per le aziende che vogliono implementare il proprio business e realizzare soluzioni efficaci e soprattutto efficienti è necessario affidarsi a Cloud provider di livello. Parola d’ordine? Amazon Web Service.

 

Share This