L’emergenza che tutto il mondo sta vivendo assume, ogni giorno si più, proporzioni incredibili. In ogni angolo del pianeta si combatte contro un nemico invisibile che si muove più in fretta che mai. Così il Covid-19 ha sconvolto le vite di ciascuno di noi creando una crisi sanitaria, economica e sociale.

Fermarlo o rallentare la sua corsa. Sono solo due le opzioni che al momento possiamo contemplare.

Per questo AWS, azienda leader nel settore del Cloud Computing, sta annuncia un’iniziativa volta a sostenere istituti di ricerca globali, startup e aziende impegnate nell’affrontare la sfida contro COVID-19.

Le risorse Aws, tra cui i servizi Cloud e la potenza di calcolo, potrebbero essere strumenti utilissimi per lo sviluppo di metodologie diagnostiche più veloci ed efficaci oltre che per sviluppare cure contro il virus.

Man mano che il virus continua a diffondersi, siamo profondamente consapevoli dell’impatto che questo sta avendo su famiglie, aziende e comunità”, scrivono da Aws. “Questa è un’emergenza sanitaria globale – continua – che sarà risolta solo da governi, aziende, Università e individui che lavorano insieme per comprendere meglio questo virus e alla fine trovare una cura. Amazon è una grande azienda con diverse attività commerciali e ognuna è alla ricerca di modi che possano tornare utili”.

AWS Diagnostic Development Initiative

Ed è così che Aws lancerà la AWS Diagnostic Development Initiative, un programma che affianca le realtà impegnate nel combattere l’emergenza portando sul mercato soluzioni diagnostiche migliori e più accurate e promuovendo una migliore collaborazione tra le organizzazioni che lavorano su problemi simili.

Come parte di questo, AWS sta impegnando un investimento iniziale di 20 milioni di dollari per accelerare la ricerca diagnostica, l’innovazione e lo sviluppo al fine di velocizzare la comprensione collettiva e l’individuazione di COVID-19 e di altre soluzioni diagnostiche innovative per mitigare le future epidemie di malattie infettive.

I finanziamenti verranno erogati attraverso una combinazione di crediti AWS e supporto tecnico per aiutare i team di ricerca a sfruttare appieno il potenziale del cloud per affrontare questa sfida.

Il programma, infatti, sarà aperto a 35 istituti di ricerca mondiali accreditati e agli enti privati che utilizzano AWS per sostenere i carichi di lavoro orientati alla ricerca per lo sviluppo della diagnostica, nello specifico di test che possono essere effettuati a casa o in una clinica con risultati in giornata.

Data la necessità, l’accento sarà inizialmente posto su COVID-19, ma AWS sta prendendo in considerazione anche altri progetti di diagnostica delle malattie infettive.

“Il mondo ha bisogno di una maggiore innovazione nel settore privato per combattere questa pandemia”, commenta Steve Davis, membro del Digital Health Technical Advisory Group dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e membro del gruppo di consulenza tecnica dell’AWS Diagnostic Development Initiative. “L’impegno e la partecipazione di Amazon – conclude – sono molto apprezzati, soprattutto perché la mancanza di strumenti diagnostici significativi di nuova generazione rimane un grande divario nella maggior parte dei sistemi sanitari. Una piattaforma per collegare la ricerca, le capacità digitali e i nuovi prodotti a livello globale è un’impresa cruciale».

Share This